Blog

HomeBlog (Page 5)

Il restauro mobili antichi è un'operazione delicata che richiede grande professionalità. Richiede solide conoscenze delle tecniche e dei materiali tradizionali per intervenire correttamente su strutture lignee spesso molto fragili, senza comprometterne l'autenticità.   Comporta anche la capacità di riconoscere eventuali aggiunte o manomissioni realizzate nel corso dei secoli, distinguendole dagli elementi originali dell'oggetto. Per restaurare correttamente un mobile antico, preservandone il valore storico e artistico, è quindi indispensabile una lunga esperienza professionale nel settore, tipica di antiquari ed esperti d'arte altamente specializzati.   In Italia, ogni anno migliaia di proprietari si affidano ad antiquari esperti per il restauro di mobili, arredi e oggetti d'antiquariato. Secondo una recente indagine, circa il 70% dei restauri commissionati riguarda mobili antichi come cassettoni, sedie, tavoli, scrivanie e comò risalenti almeno a prima del 1900. Solo antiquari con un'esperienza pluriennale e una formazione specifica nel campo della stima, attribuzione

Il mercato dell'arte si basa su regole precise, sia di carattere legale che etico. Legalmente, la normativa in materia di commercio, tutela dei beni culturali e pratiche commerciali fissa un rigoroso perimetro entro cui gli operatori del settore (antiquari, galleristi, esperti) devono muoversi. Dal rispetto dell'IVA alle norme sulla tracciabilità delle transazioni, dalla certificazione di autenticità e provenienza delle opere alle concessioni per l'esportazione di beni di particolare valore.   Ma ci sono anche regole dettate dall'etica e dal buon senso, altrettanto importanti per mantenere una reputazione professionale solida. Evitare di rilasciare attribuzioni e perizie di stima errate, non nascondere difetti o problematiche delle opere, offrire informazioni chiare e trasparenti ai clienti. Atteggiamenti che, se non codificati dalla legge, sono tuttavia essenziali per garantire una relazione corretta e di fiducia con i propri interlocutori.   Mercato dell'arte: le 10 regole d’oro Quando si opera nel

Gli intarsi legno sono opere d'arte di rara bellezza, espressione di maestria artigianale e creatività umana. Attraverso l'integrazione armonica di legni diversi per venatura, colore e texture, gli intarsiatori hanno dato vita a decorazioni raffinate e complesse, incantando gli occhi degli osservatori con immagini di rara delicatezza.   La loro abilità nel tagliare e incastrare legni diversi per creare disegni illusionistici e audaci giochi geometrici rimane ancora oggi una fonte di meraviglia. E gli intarsi lignei, dai mobili alle cornici alle porte, continueranno per sempre a suscitare stupore per la loro ineffabile capacità di far interagire essenze diverse attraverso la manualità umana, restituendo nelle venature una trama di storie antiche e silenziose.   Questa combinazione unica di maestria artigianale, armonia estetica e suggestione simbolica dona agli intarsi in legno un valore inestimabile dal punto di vista artistico e culturale. Saranno sempre fonti di ispirazione

Nelle successioni e nelle divisioni ereditarie la figura degli antiquari ricopre un ruolo fondamentale, soprattutto quando tra i beni da spartire sono presenti oggetti d'antiquariato e d'arte di valore.   La presenza di statue, dipinti, mobili, porcellane, argenteria, gioielli antichi e altri manufatti richiede infatti la competenza di esperti del settore in grado di attribuire un corretto valore economico a questi beni, tutelando così gli interessi di tutti gli eredi.   La perizia di stima redatta dagli antiquari, basandosi sulla loro expertise ma anche su quotazioni di mercato, aste, ricerche storiche e certificazioni di autenticità, costituisce un riferimento imprescindibile per gli eredi, che altrimenti potrebbero sottostimare o sovrastimare il valore reale degli oggetti.   Si stima che in Italia il 90% delle successioni ereditarie comporti la presenza di almeno un oggetto d'antiquariato o d'arte da stimare professionalmente. Nelle divisioni importanti, con patrimoni prevalentemente composti da beni

Una perizia assicurativa correttamente formulata da un esperto perito d'arte è fondamentale per tutelare adeguatamente le opere d'arte e i mobili antichi assicurandoli. Questa infatti permette di:   Stabilire un valore assicurabile attendibile e motivato: fino al 70% delle opere d'arte è sovra o sottovalutato in fase di assicurazione (Fonte: Dati Hiscox, compagnia assicuratrice britannica specializzata nell'arte). Una perizia accurata evita questi errori. Controllare l'autenticità dell'opera: si stima che fino al 40% delle opere scambiate come autentiche sia in realtà contraffatto. Una perizia scientifica ne conferma l'autenticità. Verificare lo stato di conservazione: eventuali danni o deterioramenti non evidenziati possono invalidare totalmente o parzialmente l'indennizzo. Fornire una documentazione completa a supporto: fattore chiave in caso di futuri sinistri per ottenere il giusto risarcimento.   Quindi, una perizia assicurativa accurata, redatta da esperti periti del settore e supportata da analisi e documentazione scientifica, è essenziale

Quando si parla di "oggetti d'arte" ci si riferisce ad una vasta tipologia di elementi materiali, che oltre alle opere tradizionali come dipinti, sculture o disegni, comprende anche prodotti meno intuitivi o scontati. Rientrano infatti in questa categoria:   Mobili e oggetti d'antiquariato. Tappeti, arazzi e tessuti pregiati. Gioielli, argenterie e oggetti in metalli preziosi. Ceramiche artistiche, vetri artistici e porcellane. Parati e manufatti tessili. Strumenti musicali antichi. Oreficerie artistiche. Oggetti artistici popolari. E molto altro.   Tutte queste tipologie diverse di "oggetti d'arte", anche quelle meno note od ovvie, possono essere valutate attraverso una competente perizia di stima redatta da un esperto. Perito o antiquario in grado di riconoscere il valore intrinseco e di mercato di quel determinato bene artistico, basandosi sulla sua esperienza e conoscenza specifica del settore di pertinenza.   Il concetto di "oggetti d'arte" va inteso in modo ampio e comprensivo

La determinazione dell'età di un'opera d'arte o di un manufatto d'antiquariato è un elemento chiave nella redazione di una perizia estimativa. Infatti stabilirne con precisione la datazione permette di:   Certificarne l'autenticità, elemento determinante per stabilirne il valore; secondo Sotheby's fino al 90% del valore di un'opera è attribuibile alla sua autenticità confermata da una precisa datazione (Fonte: Dati Sotheby's) Collocarla correttamente nel suo contesto storico-artistico, fattore fondamentale per comprenderne significato e valore intrinseco. Stabilirne il valore commerciale, che dipende in larga misura anche dalla rarità legata all'epoca di creazione.   Grazie alle moderne tecniche di datazione basate su analisi spettroscopiche, isotopiche e dendrocronologiche, è oggi possibile stabilire l'età di un'opera con precisione compresa tra pochi decenni e qualche secolo, a seconda della tecnica utilizzata. Per i periti stimatori la datazione risulta uno strumento indispensabile per fornire una valutazione professionale ed attendibile di

Le perizie estimative sono strumenti utili per stabilire il valore delle opere d'arte in modo attendibile e professionale. Sono redatte da periti stimatori che, tramite verifiche sull'autenticità dell'opera e ricerche sul suo contesto storico e di mercato, redigono una perizia di stima motivata del suo valore commerciale e intrinseco. Si tratta di strumenti utilizzati in vari contesti come la vendita e l'assicurazione di beni artistici, ma anche per successioni, donazioni e controversie legali. Forniscono una base oggettiva per tutte le transazioni che coinvolgono opere d'arte. Perizia estimativa: cos’è e a cosa serve La perizia di stima è uno strumento utile per stabilire il valore di opere d'arte come dipinti, sculture, mobili antiquariato e oggetti antichi. Grazie alle perizie sono valutate autenticità, datazione, stato di conservazione e qualità dell'opera e, sulla base di questi fattori, è stabilito un valore economico. Una perizia di stima

L'expertise è una perizia redatta da un perito (che può anche essere antiquario) o da un esperto d'arte che ha lo scopo di fornire un'analisi approfondita su un oggetto d'arte o d'antiquariato. Questo tipo di perizia fornisce informazioni sulla provenienza, l'epoca, l'autenticità e il valore dell'opera in questione. L'expertise può essere richiesta per chiarire una controversia, individuare lo stato attuale di un bene, valutare il suo valore per un'assicurazione o per una vendita. È necessaria soprattutto per gli oggetti antichi, in quanto sono particolarmente vulnerabili a falsificazioni e a manipolazioni. È utile anche per gli oggetti d'arte moderna, per determinare la loro autenticità e il loro valore. L'expertise rappresenta, quindi, un importante strumento di conoscenza e di tutela per gli oggetti d'arte e d'antiquariato.   Expertise: cos’è L'expertise è un termine utilizzato per riferirsi alla valutazione e all'analisi di manufatti e oggetti d'arte

I negozi di antiquariato sono esercizi commerciali specializzati nella vendita di oggetti d'antiquariato, cioè oggetti rari o preziosi che sono stati prodotti in epoche passate e che hanno un valore storico, culturale o artistico. Tali oggetti possono includere mobili, dipinti, ceramiche, gioielli, libri e oggetti di artigianato. I negozi di antiquariato sono importanti perché permettono di preservare e diffondere la conoscenza del patrimonio culturale delle comunità. Gli antiquari sono spesso esperti del settore, capaci di identificare e autenticare gli oggetti d'antiquariato e di fornire informazioni sulla loro storia e sulla loro provenienza. Grazie alla loro esperienza e competenza, gli antiquari svolgono un ruolo importante nell'educazione delle persone sulla storia e sulla cultura del passato, e contribuiscono anche a preservare e valorizzare il patrimonio culturale del nostro paese.   Negozio antiquariato: tecnologie innovative per la ricerca e autenticazione L'utilizzo delle tecnologie innovative per la