Blog

HomeBlog (Page 4)

Sapere come datare un dipinto non è cosa da poco! Datare con precisione un dipinto antico, infatti, non è assolutamente un'attività semplice. Richiede profonde competenze in ambito storico-artistico, grande esperienza nell'analisi stilistica e materiale delle opere, oltre alla capacità di condurre accurate ricerche archivistiche.   Solo professionisti che si dedicano a questo da molti anni, effettuando centinaia di perizie nel corso della loro carriera, sono in grado di valutare in modo incisivo tutti gli elementi utili a stabilire la data esatta di realizzazione di un quadro.   Purtroppo sono sempre più frequenti casi di attribuzioni errate compiute da sedicenti esperti, che per incapacità o superficialità forniscono certificazioni poi smentite. Questo può causare gravi danni economici a chi ha acquistato l'opera in buona fede.   L'unica strada percorribile per ottenere una perizia di stima e datazione davvero attendibile è quella di rivolgersi a centri di restauro e

Gli storici dell'arte hanno da sempre ricoperto un ruolo fondamentale quando si parla di antiquariato e mercato delle opere d'arte antiche. Le loro competenze in fatto di datazione, attribuzione e valutazione sono infatti indispensabili per conferire autorevolezza e certezza giuridica alle transazioni economiche.   In passato queste figure agivano principalmente come periti, redigendo relazioni tecniche per conto di collezionisti privati o case d'asta. Oggi invece il loro contributo è ancora più integrato e sinergico con il settore dell'antiquariato. Gli storici dell'arte collaborano a stretto contatto con i mercanti, curando cataloghi scientifici per la commercializzazione delle opere e occupandosi di mostre ed eventi nelle loro gallerie.   La loro presenza costante garantisce standards qualitativi elevati e costituisce un valore aggiunto nella promozione culturale. Di conseguenza l'antiquario che può vantare una consulenza storico-artistica qualificata acquisisce una credibilità sempre maggiore agli occhi del pubblico collezionista. Storici dell'arte: competenze

Purtroppo il fenomeno dei mobili antichi falsi è sempre più dilagante e difficile da contrastare. Secondo i dati dell'ISTAT, negli ultimi 5 anni il numero di contraffazioni nel settore dell'antiquariato è aumentato del 15%. Si stima che oltre il 30% degli oggetti proposti come antichi siano in realtà dei falsi realizzati ad arte per trarre in inganno i collezionisti.   Le motivazioni di tale crescita risiedono principalmente nei consistenti guadagni che i “traffichini di opere false” riescono a ricavare, sfruttando spesso l'inesperienza di coloro che si approcciano per la prima volta a questo affascinante mondo. Diventa quindi fondamentale per acquirenti e collezionisti tutelarsi e non cadere nelle tranelli di questi imbroglioni.   Per evitare di essere raggirati con l'acquisto di un falso, l'unica strada sicura è quella di affidarsi a professionisti riconosciuti, con una lunga esperienza nel settore e solide competenze in campo storico-artistico.

L'attribuzione opere d'arte è un processo complesso che richiede approfondite competenze e conoscenze nel settore. Verificare la corretta paternità di un quadro, una scultura o un oggetto antico implica una capillare analisi stilistica, lo studio dei materiali e delle tecniche esecutive, l'esame della documentazione storica e della catena di possesso nel tempo.   Tutti questi aspetti vanno incrociati e valutati con occhio critico da chi ha una lunga esperienza nel campo, in grado di riconoscere le firme di maestri anche poco noti e di cogliere sottili dettagli rivelatori.   Non è certamente un'attività che si esaurisce rapidamente, richiede tempo, pazienza e competenze maturate nel tempo. Per questo motivo, chi si affida a un perito d'arte o a un antiquario professionale come Marco Targa, sa di poter contare su una conoscenza approfondita, grazie a un percorso formativo e lavorativo pluriennale.   Marco Targa, noto nel settore per

Il mondo delle antichità e dell'arte antica è estremamente vasto e complesso. Racchiude al suo interno secoli di storia, cultura e svariati linguaggi artistici, oltre a discipline tecniche e normative che regolano questo settore. Per chi si affaccia per la prima volta a quest'affascinante mondo senza una specifica formazione di base, può risultare difficile identificare una direzione da seguire o sapere da dove iniziare per orientarsi al meglio.   In questi casi, ci si può avvalere della preziosa consulenza di professionisti di comprovata esperienza come Marco Targa. Da anni Targa opera con successo nel campo dell'antiquariato, fornendo una consulenza qualificata a collezionisti e appassionati. Grazie alle sue ampie conoscenze in ambito storico-artistico e alle solide competenze nel commercio di opere antiche, è in grado di indirizzare il newcomer verso gli ambiti di suo maggiore interesse e le fonti più affidabili per alimentare

I mobili antecedenti al XIX secolo costituiscono una tipologia di beni antiquariali di grande valore, sia storico che economico, se correttamente attribuiti, periziati e valorizzati. Purtroppo non sempre i mobili d'epoca sono opportunamente apprezzati o il loro potenziale è massimizzato.   É infatti necessario che la perizia su di essi sia condotta da professionisti riconosciuti, come esperti d'arte o restauratori abilitati, in possesso delle competenze per risalire allo stile dell'ebanista, determinarne l'epoca e l'origine geografica, nonché per documentarne materiali e tecniche costruttive. Soltanto attraverso un'attribuzione corretta è infatti possibile stabilirne l'effettivo valore.   Antichi mobili provenienti da atelier prestigiosi possono essere dei veri e propri tesori, la cui quotazione può facilmente raggiungere molte migliaia di euro se in buono stato di conservazione. Ma anche mobili meno noti, se riconducibili a particolari ambienti regionali, possono costituire interessanti opportunità.   Con una perizia filologica da parte di esperti

I mercanti d'arte rivestono oggi un ruolo economico e culturale di primo piano, come dimostrano dati oggettivi. Secondo il rapporto Deloitte Art & Finance 2020, nel mondo il mercato dell'arte ha generato un business da 64,1 miliardi di dollari nel 2020. I mercanti d'arte, attraverso le loro reti commerciali e le aste specializzate, intermediano una quota stimata intorno al 40% degli scambi totali.   Inoltre, il 21% dei super-ricchi considera l'arte come la miglior classe di investimenti, secondo una ricerca UBS-Art Basel. E il 90% dei collezionisti dichiara di affidarsi a consigli di esperti nella selezione di pezzi su cui investire. In Italia il settore antiquariale conta 40.000 addetti e 32.000 imprese attive. Solo a Firenze sono presenti oltre 2.000 operatori specializzati tra galleristi, aste, restauratori.   Di conseguenza, i mercanti d'arte si stanno ritagliando anche un ruolo di consulenti finanziari per alto fatturato.

Comprare opere d'arte non è solo un modo per arricchire la propria casa o la propria cultura, ma può rivelarsi anche un ottimo investimento se effettuato nel modo corretto.   Il mercato dell'arte infatti continua a crescere costantemente anno dopo anno, con i pezzi più prestigiosi in grado di moltiplicare il loro valore in modo esponenziale nel tempo. Secondo gli esperti del settore, l'arte rappresenta uno degli asset più redditizi in assoluto se si punta sugli artisti giusti.   Tuttavia, muoversi in autonomia nel complesso mondo delle aste e delle gallerie d'arte può risultare rischioso. Per massimizzare le probabilità di successo dell'investimento è importante affidarsi a esperti quali storici dell'arte, galleristi, antiquari e mercanti d'arte che, grazie alla loro profonda conoscenza del mercato, sanno individuare in anteprima i talenti emergenti e le opere destinate ad apprezzarsi di valore.   Con il supporto di professionisti accreditati è

Negli ultimi anni, l'antiquariato si è evoluto da semplice passione a vero e proprio business. Secondo fonti autorevoli come il Journal of Art Market Studies, il mercato globale delle opere e degli oggetti d'antiquariato vale oggi circa 50 miliardi di dollari.   In Italia, primo Paese al mondo per quantità di beni culturali, il comparto muove un giro d'affari stimato in 4 miliardi di euro secondo la Banca d'Italia. L'afflusso di nuovi collezionisti e la moda del restauro di immobili d'epoca hanno rilanciato la domanda.   Tuttavia, investire in questo settore richiede competenze specifiche per effettuare scelte oculate. Secondo una ricerca dell'Università Bocconi, il 93% degli operatori del ramo si è dichiarato insoddisfatto del livello di knowledge dei nuovi investitori retail.   Oggi è possibile approcciare in modo professionale questo mercato affidandosi a figure specializzate come art advisor, esperti d'arte e casa d'aste che, grazie alla

I quadri antichi di valore sono non solo opere d'arte di notevole pregio artistico, ma possono rappresentare anche degli investimenti molto redditizi se gestiti con competenza. Data la loro natura di beni collezionabili, migliorano infatti il proprio valore nel tempo se attribuiti a maestri riconosciuti. Tuttavia, è fondamentale che la loro attribuzione e datazione sia certificata in maniera inattaccabile, affidandosi a periti e storici dell'arte accreditati e specializzati.   Solo professionisti in grado di redigere con competenza una perizia di stima, valutando stile, tecnica esecutiva, stato di conservazione dell'opera e confrontandola con analoghi presenti sul mercato, possono stabilirne correttamente il valore economico.   Questo è essenziale sia per un corretto acquisto che per una futura rivendita. Soltanto operando con la certezza sull'autenticità della firma e sulla solidità metodologica della stima, è possibile massimizzare l'eventuale guadagno derivante dall'apprezzamento dell'opera nel tempo.   Pertanto, chi intende avvicinarsi a